Uragano Florence verso l’America: gli ultimi aggiornamenti sulla traiettoria e sull’impatto

Fa sempre più paura l’Uragano Florence, che prosegue la sua strada nell’Oceano Atlantico, in direzione dell’America. 

Attualmente Florence presenta un’intensità ancora non particolarmente elevata: è di categoria 1, si trova circa 2200 km al largo della Florida e si muove ad una velocità di 13km/h verso ovest. I venti raggiungono i 150-170 km/h. Tuttavia il ciclone è destinato a intensificarsi notevolmente con il passare delle ore. 

Secondo gli ultimi aggiornamenti, l’Uragano potrebbe diventare un Major, ovvero raggiungere una categoria 4, o addirittura 5 (sulla scala Scala Saffir-Simpson). Ancora incertezze, oltre che per l’intensità, per la zona in cui avverrà l’impatto di Florence sulla terraferma. Il suo “landfall”, stando alle ultime elaborazioni dei modelli, potrebbe verificarsi fra Giovedì mattina/Giovedì pomeriggio sulla North Carolina e sulla confinante South Carolina

Secondo gli esperti, Florence potrebbe anche rallentare a ridosso della costa, scaricando ingenti precipitazioni per molte ore sulle stesse zone, generando gravi alluvioni. I meteorologi hanno messo in guardia per le piogge torrenziali e naturalmente per i violentissimi venti generati dall’uragano. Virginia, Maryland e Delaware sono gli altri stati più a rischio. 

La popolazione si è affrettata a preparare kit di emergenza, a riempire i sacchi di sabbia e a proteggere le proprie case. Molti supermercati sono stati presi d’assalto per scorte di cibo. 

Nel corso delle prossime ore sarà possibile tracciare con maggiore precisione e affidabilità la traiettoria dell’Uragano Florence. Al momento questa è la sua previsione:

Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK



Altri articoli


Ultim’ora: nave da crociera in avaria nelle acque norvegesi, a bordo 1.300 persone

Pacifico: l’isola di plastica è 16 volte più grande del previsto e continua a crescere

Polo nord : l’artico raggiunge la massima estensione invernale. Estensione però sotto la media

ANALISI MODELLI: occhi puntati sul RAFFREDDAMENTO della prossima settimana

Sabato 23 marzo 2019: oggi festeggiamo la Giornata Mondiale della Meteorologia