Tifone Mangkhut fa 28 vittime nelle Filippine e adesso si sta abbattendo Cina e Hong Kong

Devastante tifone Mangkhut sulle Filippine. Sale il numero delle vittime. Ora Hong-Kong sott’assedio.

Il violento tifone Mangkhut ha letteralmente spazzato l’isola di Luzon, la più settentrionale delle Filippine tra venerdi e sabato causando vaste inondazioni, alluvioni e venti oltre 300 km/h (GUARDA LE FOTO). Già ieri pomeriggio il tifone aveva abbandonato le Filippine lasciando alle sue spalle almeno 28 vittime, stando a quanto riferito dal New York Times.

Il tifone si è potenziato nuovamente a contatto col caldo mare cinese meridionale raggiungendo la categoria 4 (dopo aver lasciato Luzon era sceso a categoria 3) che presenta venti fino a 230 km/h e raffiche oltre i 270 km/h. Il ciclone tropicale si è rapidamente diretto sulle coste meridionali della Cina, Macao e Hong-Kong dove proprio in questi minuti è in atto il landfall del ciclone (COSA SONO I CICLONI TROPICALI).


La tempesta si sta abbattendo con violenta su Macao e Hong-Kong, situate proprio nell’area dove si trovano i venti di maggior intensità. Le raffiche di vento hanno superato i 230 km/h sulle vaste città che popolano la costa meridionale asiatica e sono ingenti i danni che aumentano a vista d’occhio. Al momento non risultano vittime. Sono 5 milioni le persone a rischio. 
La situazione è potenzialmente molto pericolosa perchè nelle prossime ore continueranno ad abbattersi piogge torrenziali su Cina meridionale (grossomodo nella provincia di Guangdong), Macao e Hong-Kong assieme ai venti tempestosi oltre 200 km/h. Le popolazioni sono state esortate a tenersi lontano dalle coste.


Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Meteo Europa : avanza il freddo continentale, estese nevicate su Ucraina e Romania

Scoperta “superterra” ghiacciata: orbita attorno a una delle stelle più vicine al Sole

Meteo Protezione Civile domani: aria fredda in arrivo da Est, calano le temperature