Alluvioni in Calabria, Coldiretti: “persa coltivazione finocchio”, gravi danni all’agricoltura locale

Le piogge fortissime che hanno causato esondazioni di fiumi e allagamenti estesi in Calabria nelle ultime 48 ore hanno causato devastazione su una vasta porzione di territorio e purtroppo anche vittime, come vi abbiamo raccontato ieri. 

I danni causati da questa ondata di maltempo interessano sicuramente anche il settore agricolo, in maniera significativa. Si è trattato di un evento violento e straordinario – afferma Coldiretti – che ha messo in ginocchio il territorio, in particolare il lametino e la fascia ionica. La già fragile viabilità, non solo quella rurale, è lo specchio di quanto accaduto. Al momento – riferisce Coldiretti – da un primo monitoraggio sugli effetti dei nubifragi è andata letteralmente persa la coltivazione del finocchio nel crotonese, vi è l’allagamento di agrumeti e uliveti che si registra un po’ dappertutto, un ulteriore colpo – aggiunge – alla già scarsa produzione olivicola di quest’anno. Sono state fortemente colpite anche le colture orticole in serra e le strutture in particolare nell’area del lametino.

I Consorzi di Bonifica sono allertati e stanno intervenendo in qualche area mettendo a disposizione della Protezione Civile Regionale i mezzi. Coldiretti continuerà a seguire la situazione per fare una mappatura più completa dei danni immediati e futuri alle colture agricole per chiedere, una volta gestita l’emergenza, di avviare le verifiche per la dichiarazione dello stato di calamità. “Pieno sostegno – assicura Molinaro – per intanto al Presidente della Regione Mario Oliverio che ha chiesto lo stato di emergenza”.



Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK