Intenso terremoto in Sicilia nella notte: l’area colpita è ad alto rischio sismico.

Una intensa scossa di terremoto ha colpito nella notte l’entroterra catanese, con epicentro nei pressi di Santa Maria di Licodia, pochi chilometri a sud dell’Etna. Secondo le rilevazioni dell’INGV, istituto nazionale di geofisica e vulcanologia italiano, il sisma ha avuto una magnitudo momento (MW) di 4.6. La magnitudo momento rappresenta una stima più precisa di una scossa (di media/forte intensità) che necessita di qualche ora per essere calcolata e può differire di poco dalla stima di magnitudo iniziale. 

Il sisma avvenuto oggi ha avuto epicentro in un’area che presenta una notevole accelerazione del suolo, parametro che esprime le potenzialità sismiche di una zona. Valori di accelerazione del suolo elevati si riscontrano un pò in tutta la Sicilia orientale, storicamente un’area frequentemente colpita da terremoti importanti. 

“L’evento – sottolinea l’Ingv – ha avuto una vasta area di risentimento, come dimostra la mappa delle segnalazioni arrivate attraverso il questionario macrosismico online di Hai Sentito Il Terremoto“. La scossa tellurica è avvenuta in una zona ad alta pericolosità sismica, interessata sia dalla sismicità legata all’attività del vulcano Etna sia da eventi di origine tettonica che possono raggiungere magnitudo elevata, come nel caso del 1818 quando si ebbe un evento di magnitudo pari a 6.3

Ciò fa capire come la zona in questione possa essere soggetta a terremoti anche rilevanti, in grado di causare danni importanti alle strutture, che nella zona sicuramente non presentano condizioni anti-sismiche per un gran numero di casi. 

Poste tali condizioni, bisogna sempre ricordare che è impossibile prevedere l’evolversi della situazione e affermare se vi saranno altre scosse forti nella stessa zona. Nelle prossime ore e nei prossimi giorni è plausibile credere ci possano essere comunque repliche (anche di semplice “assestamento”) dopo questa scossa di magnitudo 4.6. Impossibile però prevedere in alcun modo intensità o frequenza di queste eventuali scosse

Sismicità storica Sicilia centro-orientale, dal 1832 al 2013 (EMS – scala macrosismica europea)

TERREMOTI TEMPO REALE : ACCEDI ALLA NOSTRA NUOVA RETE DI MONITORAGGIO TERREMOTI! CLICCA QUI

Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK