Terremoto in Sicilia, Catania : danni e feriti alle pendici dell’Etna. Tanta paura tra la popolazione

Numerosi danni lievi nel catanese, tanta paura tra la popolazione. Ci sono feriti e malori all’epicentro.

Come già ampiamente discusso in nottata, una forte scossa di terremoto è stata registrata oggi 6 ottobre 2018, esattamente alle 02.34, si è verificata alle pendici meridionali dell’Etna, nel catanese. Probabilmente si è trattato di un sisma di natura vulcanica, che ha comunque scosso la Sicilia e addirittura la Calabria (VEDI QUI LA MAPPA). 

Il sisma, di magnitudo 4.8 sulla scala richter, è avvenuto a circa 8 km di profondità ma si è fatto sentire in maniera davvero sostenuta in superficie. La terra ha tremato per diversi secondi in maniera intensa.

Non solo tanta paura, che ha costretto la popolazione catanese a riversarsi per strada, ma anche malori e feriti confermati dalle autorità locali e la protezione civile.In particolare il maggior numero di danni riguarda la zona epicentrale tra Paternò, Santa Maria di Licodia e Biancavilla. Qualche danno segnalato anche ad Adrano.
Sisma percepito anche a Messina, Reggio Calabria, Siracusa, Enna, Agrigento e Palermo.

CI SONO FERITI

Sono diverse decine le persone ferite in maniera lieve e medicate in nottata nei vari ospedali catanesi. Si tratta perlopiù di contusioni, dovute a cadute, e attacchi di panico o persone rimaste sotto shock per l’evento. Non ci sono feriti gravi. 

Così Antonio Bonanno, sindaco di Biancavilla, su facebook : «La scossa di terremoto avvertita attorno alle 2.30 ha toccato tutti noi. Non facciamoci prendere dal panico: a chi si trova fuori di casa, diciamo di evitare di restare in prossimità di balconi e, dunque, di abitazioni. Evitate soprattutto di girare per strada con le automobili».
«Assieme a carabinieri, – prosegue il sindaco – Vigili del fuoco, Polizia, Protezione civile, Polizia municipale e volontari, siamo per le strade di Biancavilla a monitorare la situazione. 095.7711322: è il numero da chiamare per segnalare eventuali danni a strutture ed edifici. In questi frangenti mi trovo assieme ai vertici della Protezione civile regionale per effettuare un sopralluogo dettagliato a edifici pubblici, scuole e chiese della nostra città».

TERREMOTI TEMPO REALE : ACCEDI ALLA NOSTRA NUOVA RETE DI MONITORAGGIO TERREMOTI! CLICCA QUI

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK



Altri articoli


Sicilia : scossa di terremoto in serata avvertita alle pendici dell’Etna – dati INGV-EMSC

Brusco peggioramento con temporali, grandinate e venti forti domani: il bollettino della Protezione Civile

Allerta meteo Aeronautica Militare: venti settentrionali di burrasca in arrivo, le zone colpite

CALO TERMICO in arrivo la prossima settimana, ancora poca pioggia al nord