Meteo : una domenica molto instabile, le previsioni da nord a sud

Giornata piuttosto instabile specie al centro-sud. Nuova perturbazione in arrivo al nord-ovest!

Meteo / La vasta e violenta perturbazione che negli ultimi giorni ha pesantemente colpito le regioni del sud (causando devastazione in Calabria) si è estesa nel frattempo anche al centro-nord nelle ultime ore causando piogge e temporali sparsi ma localmente intensi.
Questa perturbazione dopo aver raggiunto il nord si sta spostando nuovamente verso sud ma contemporaneamente sta rapidamente perdendo la sua forza. Ciò significa che avremo ancora delle note d’instabilità quest’oggi ma sicuramente con effetti molto meno marcati sui nostri territori. 

Intanto sul nord-ovest si sta affacciando una nuova perturbazione, proveniente dalla Francia, che pare intenzionata a colpire in giornata Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta.

scatto del satellite ore 09.00

DUNQUE COSA CI ASPETTA OGGI?

La giornata di oggi, 7 ottobre 2018, si rivelerà perturbata e instabile su molte regioni italiane. In particolare avremo nubi, piovaschi e locali rovesci su Lazio, Abruzzo, Molise, Marche, Umbria, Puglia, Basilicata, Campania e Calabria settentrionale. I fenomeni saranno sparsi e soprattutto non persistenti (rapidi) e si mostreranno principalmente tra la tarda mattina di oggi e il pomeriggio. Possibilità di locali piovaschi pomeridiani anche sulle zone interne della Sicilia. In serata migliora su tutto il centro-sud.

se non vedi il video, clicca qui >>

Tempo in miglioramento sulla Calabria centro-meridionale, Sicilia sud-occidentale, Sardegna, Toscana e tutto il nord-est : gli ultimi acquazzoni sul Friuli Venezia Giulia si esauriranno nel primo pomeriggio. 
Tempo in peggioramento tra la tarda mattina e il pomeriggio sul nord-ovest, principalmente su Liguria, Valle d’Aosta e Piemonte : la nuova perturbazione proveniente dalla Francia causerà un aumento delle nubi e anche l’arrivo di piogge non molto intense. In serata locali piogge potranno raggiungere anche Emilia e Lombardia.

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK