Maltempo Piemonte: allagamenti e incidenti, chiuso ponte a Torre Pellice per la piena del fiume

Anche il Piemonte, come da previsione, fa i conti con piogge abbondanti e disagi. Sono i settori alpini e occidentali quelli più colpiti dal maltempo, ma le piogge intense non hanno risparmiato nemmeno il Piemonte centro-meridionale. 

A Torre Pellice, nel Torinese, a causa dell’innalzamento delle acque del fiume Pellice, è stato chiuso il ponte Bertenga, che ha subito nuovi danni. Il ponte collega la cittadina della Val Pellice con la frazione di Inverso; restano aperte le altre strade di collegamento. 
In bassa Valsusa si circola con difficoltà a causa dell’allagamento di alcune strade. 

Un incidente, probabilmente a causa delle forti piogge, si è verificato sull’autostrada A5 Torino-Aosta, bloccata in direzione del capoluogo valdostano dopo lo svincolo di Ivrea, tra Tavagnasco e Quincinetto. Coinvolto il guidatore di un camion, di cui si stanno valutando le condizioni di salute. 
Disagi anche in provincia di Cuneo. Due camion sono finiti fuori strada, a Busca e a Polonghera; soltanto ferite lievi per i conducenti. La zona più colpita dalla pioggia è quella dell’Infernotto, dove nelle ultime 12 ore l’acqua caduta ha già raggiunto i 170 millimetri. Sono tutti percorribili, invece, i valichi alpini: la neve sta cadendo oltre i 3mila metri.
Disagi per la pioggia anche alla stazione ferroviaria di Cuneo, con i pendolari che denunciano la presenza di acqua nei sottopassi pedonali e infiltrazioni dalle pensiline dei binari.

Al momento continua la situazione di instabilità con temperature in discesa, vento forte in montagna e temporali anche di forte intensità, soprattutto nei settori sud-occidentali che hanno portato l’Arpa a emettere nel bollettino un’allerta gialla. Colpite in particolare le zone della Val Pellice, Val Sangone, Valle Po, Val Maira, alta Valle Tanaro e Alta Valle Bormida. I valori più significativi sono stati osservati nel Torinese a Colle Barant con 277 millimetri di pioggia in 24 ore. 

Ulteriori danni al vecchio ponte della Bertenga, già crollato nel 2011. 

Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK