Previsioni meteo : week-end stabile, ma poi confermato il crollo delle temperature!

Aria fredda di origine artica da domenica sera! Crollo delle temperature la prossima settimana ovunque.

Previsioni meteo/ Dagli ultimi aggiornamenti dei modelli matematici pare ormai sempre più certo il crollo delle temperature che si riporteranno non solo nella norma autunnale ma a tratti anche al di sotto in particolar modo sulle regioni del centro-sud, esattamente le regioni maggiormente esposte alle correnti più fredde provenienti dall’est Europa.

Il netto calo delle temperature avverrà con l’arrivo di una modesta perturbazione di origine artica che riuscirà a farsi strada sul bordo orientale del vasto anticiclone che si sta ergendo in questi giorni sull’Europa centro-occidentale (proteso sin verso la Scandinavia) fin tanto da raggiungere il Mediterraneo come in una tipica situazione invernale.
La “goccia fredda” alle alte quote raggiungerà la nostra penisola tra domenica sera e l’inizio della prossima settimana, apportando condizioni meteorologiche decisamente instabili e tipiche del tardo autunno per quanto riguarda le regioni del centro-sud. Discorso diverso per il nord dove avremo una maggior egemonia dell’anticiclone, il quale continuerà a portare tempo nel complesso stabile, seppur più freddo dei giorni attuali. La perturbazione, inoltre porterà venti sostenuti di grecale e tramontana su gran parte del centro-sud.

se non vedi il video, clicca qui >>

TEMPERATURE IN CALO OVUNQUE

La perturbazione coinvolgerà prevalentemente le regioni del sud, in particolare Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, dove tra domenica sera e martedi non mancheranno locali acquazzoni e temporali. Nel frattempo sul centro-nord il tempo si presenterà piuttosto secco, senza piogge, ma allo stesso tempo nettamente più freddo.
Questo perchè l’aria fredde proveniente dall’est Europa invaderà tutta Italia causando un calo delle temperature di almeno 5-7°C al nord e di ben 10°C al sud : la colonnina di mercurio, dunque, è destinata a scendere diffusamente sotto i 16/18°C da nord a sud in pieno giorno e sin sotto i 7/9°C di notte. Al nord (in pianura Padana e nelle vallate) non escludiamo temperature notturne inferiori ai 5°C.

Il calo termico permetterà il ritorno di modeste nevicate sulle vette dell’Appennino centro-meridionale, quantomeno oltre i 1600/1700 metri di altitudine.
Dopo il passaggio di questa prima vera e fredda perturbazione autunnale potremmo assistere ad una replica tra mercoledi 24 e giovedi 26 con le stesse dinamiche e nuovamente le regioni del centro-sud protagoniste, ma al momento è ancora presto per parlarne.

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK