Ultim’ora: nuovi nubifragi in Sicilia, automobilisti bloccati sulla Catania-Gela

Come da previsione, le prime infiltrazioni di aria fresca legate al vortice depressionario proveniente dai Balcani stanno generando dell’instabilità anche sulla Sicilia. Localmente i fenomeni hanno assunto nelle ultime ore carattere di forte intensità, risultando anche persistenti. 

Dei nubifragi hanno colpito l’entroterra catanese e la provincia di Enna, con disagi soprattutto alla viabilità. Sulla statale 417, la Catania-Gela, nei pressi di Palagonia/Scordia, il nubifragio ha causato il riversamento di fango e detriti che hanno messo in difficoltà le vetture in transito, tanto che l’Anas ha provvisoriamente bloccato il traffico – in entrambe le direzioni – in corrispondenza del km 36 a Mineo. Numerosi automobilisti sono rimasti bloccati per l’acqua alta e sono stati soccorsi dai vigili del fuoco. Al momento non si registrano feriti. 

Sul posto sono intervenuti vigili del fuoco, personale della polizia stradale e dell’Anas. La zona è quella già martoriata da nubifragi e inondazioni nei giorni scorsi. 

Anche per domani, lunedì, è previsto maltempo. La Protezione civile regionale ha diffuso un avviso per rischio meteo-idrogeologico, valido dalle 16 di oggi, domenica, fino alle 24 di domani, lunedì. Il bollettino di “allerta gialla” emesso segnala “dalle prime ore del 22 ottobre precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, specie nei settori settentrionali. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Ulteriori aggiornamenti potranno essere forniti nelle prossime ore. 

Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK



Altri articoli


Venti fortissimi al Nord, in Lombardia: centinaia di interventi, due donne ferite

Iran : alluvione devastante travolge la città di Shiraz [VIDEO]

Brasile : ecco il ciclone Iba, rarissimo sistema tropicale dell’Atlantico meridionale

MODELLO EUROPEO: in marcia verso un episodio di tempo PERTURBATO nei primi giorni di aprile