Allerta Meteo : ciclogenesi esplosiva nel Mediterraneo, scirocco impetuoso e carico di sabbia

Profondo ciclone extra-tropicale nel Mediterraneo, scirocco tempestoso sull’Italia e nubifragi alluvionali. Allerta massima.

Allerta meteo / Stiamo entrando in questi minuti nella fase cruciale di questa eccezionale ondata di maltempo, originata dalla discesa di una vasta massa d’aria fredda di origine artica sul Mediterraneo occidentale (tra Spagna, Baleari e Francia) con tutte le conseguenze del caso.

L’ingresso nel Mediterraneo dei massimi di velocità della corrente a getto (Jet Streak) sta imprimendo una notevole vorticità positiva con conseguente sviluppo di un vortice di bassa pressione esteso e in rapido approfondimento. La presenza di masse d’aria molto fredde di origine artica a ovest di questo vortice di bassa pressione (su Spagna e Francia) causa il fisiologico innesco di fortissimi e caldi venti di scirocco ad est del vortice che convergono verso il cuore della bassa pressione. Questo vortice di bassa pressione si sta intensificando a ritmo elevato e la pressione tende a calare di 1-2 hpa ogni ora : oltre tutto diviene sempre più marcato anche il “gradiente barico orizzontale”, ovvero la pressione cala in maniera repentina man mano che ci spostiamo verso il centro di bassa pressione. Insomma abbiamo a che fare con un ciclone extra-tropicale dalle caratteristiche “esplosive” : questo termine sta proprio ad indicare il rapido crollo della pressione dalla periferia al centro della ciclogenesi.

se non vedi il video, clicca qui >>

VENTI TEMPESTOSI E ALLUVIONI

I fortissimi venti di scirocco, carichi di sabbia africana, che convergono verso il centro di bassa pressione (ora situato a nord-ovest della Sardegna) si stanno ulteriormente intensificando su tutto il centro-sud, ma la “linea di massima intensità” è ancora situata nel cuore del mar Tirreno e sta colpendo Lazio, Toscana e Sicilia settentrionale in questi minuti. In quest’area le raffiche di scirocco superano i 110-115 km/h) e provocano la caduta di alberi e gravi danni. Nelle prossime ore (tra pomeriggio e sera) questa tempesta di scirocco investirà tutto il centro Italia, Emilia Romagna, coste del Veneto, Friuli, Campania, Basilicata, Puglia e Liguria.

 

SCIROCCO FORTISSIMO LA CAUSA DELLE ALLUVIONI

Queste fortissime raffiche di vento stanno alimentando una pericolosa linea temporalesca (squall line) che al momento si estende dalla Sardegna sin sul nord Ovest. L’aria umida e calda sciroccale converge verso il cuore della bassa pressione entrando in contrasto con l’aria molto più fredda presente nel vortice : i forti contrasti generano moti turbolenti e temporali violenti lungo una “linea di convergenza” altamente pericolosa. Questi temporali continueranno ad interessare la Sardegna e tutto il nord-Italia, provocando piogge a tratti alluvionali specie in Liguria, Lombardia e Triveneto (dove è presente l’allerta rossa della Protezione Civile). Queste ulteriori piogge che cadranno al nord si sommeranno con tutte quelle cadute tra ieri e stamattina, specie a ridosso dei rilievi, dove lo scirocco determina il fenomeno temibile dello “stau”, ovvero l’accrescimento delle nubi sui monti con conseguenti piogge più intense. Insomma in zone come Liguria, Veneto e Friuli Venezia Giulia potranno precipitare almeno altri 100-300 mm di pioggia che si sommeranno a i 300-400 già caduti, aggravando una situazione già molto critica.
Tra pomeriggio e sera l’intero fronte temporalesco colpirà tutto il centro Italia e la Campania, mentre nella notte colpirà Basilicata, Calabria settentrionale e Puglia.
Nelle ultime ore questo vasto ammasso di temporali situato tra Sardegna e Liguria ha prodotto oltre 30.000 fulmini! 

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK



Altri articoli


Pacifico: l’isola di plastica è 16 volte più grande del previsto e continua a crescere

Polo nord : l’artico raggiunge la massima estensione invernale. Estensione però sotto la media

Australia : ciclone tropicale Veronica ormai ad un passo. Allerta massima su Port Hedland

Il TEMPO della settimana 25-31 marzo: IRRUZIONE FREDDA in vista!