Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 6 novembre 2018 (ultimi terremoti, orario)

Terremoto in tempo reale INGV / Lievi scosse in Emilia e Umbria, avvertite. Aggiornamenti in diretta.

Terremoto in tempo reale, INGV / Prima parte di giornata alquanto tranquilla nel sottosuolo italiano, da segnalare solo due lievi scosse nel perugino e nel reggiano. Scossa intensa nettamente avvertita in serata al centro Italia tra Umbria e Lazio. Altrove nulla da segnalare al momento.

Di seguito troverete l’elenco con tutte le scosse registrate in Italia oggi 6 Novembre 2018 con magnitudo superiore al 2.0 della scala richter (secondo lo schema “orario, epicentro e magnitudo”). In caso di eventi rilevanti o ben avvertiti ci saranno focus cliccabili con maggiori informazioni. Non saranno inserite le scosse strumentali, con magnitudo inferiore al 2.0 della scala richter, a meno di eventi estremamente superficiali e quindi avvertiti dalla popolazione. 

*** IL RIEPILOGO SISMICO DI IERI È DISPONIBILE QUI ***

TERREMOTO ORARIO , COMUNE DELL’EPICENTRO E MAGNITUDO

– ore 04.51 (UMBRIA — FOLIGNO, PG) – M2.3
– ore 05.00 (REGGIO EMILIA) – M2.1
– ore 18.04 (MARCHE — VENAROTTA, AP) – M2.2
– ore 18.12 (SICILIA — ZAFFERANA ETNEA, CT) – M2.0
– ore 19.50 (LAZIO — MONTENERO SABINO, RI) – M3.4
– ore 22.31 (ACCUMOLI, RI) – M2.3

(ultimo aggiornamento ore 23.59)

SCOPERTA DELL’INGV : il magma sotto l’Appennino la causa di forti terremoti? LEGGI QUI >>>

 


IL MONITORAGGIO DEL 7 NOVEMBRE PROSEGUIRà QUI :

Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 7 novembre 2018 (ultimi terremoti, orario)

TERREMOTI TEMPO REALE : ACCEDI ALLA NOSTRA NUOVA RETE DI MONITORAGGIO TERREMOTI! CLICCA QUI

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK



Altri articoli


Terremoto Toscana-Liguria : scossa moderata in tarda sera in Appennino, avvertita – dati INGV

Lago Michigan : spettacolo naturale in atto, un mosaico di ghiaccio riveste il lago

Meteo Protezione Civile domani: tempo generalmente stabile, ultimi rovesci all’estremo Sud

MODELLO EUROPEO: l’incognita della nuova perturbazione della prossima settimana