Lanciato in orbita nuovo satellite MetOp: aiuterà a migliorare le previsioni meteo

Un contributo al miglioramento delle previsioni meteo potrà essere fornito dal neo satellite meteorologico europeo, MetOp-C, da oggi in orbita grazie al lanciatore Soyuz, partito dalla base europea di Kourou. Il satellite dovrebbe migliorare la qualità delle previsioni grazie ad una più accurata analisi dei dati relativi a umidità, ventilazione, ozono, dei nostri oceani. 

Sviluppato dall’Agenzia Spaziale Europea (Esa) in collaborazione con l’Organizzazione Europea per l’Utilizzo dei Satelliti Meteorologici (Eumetsat), MetOp-C è il terzo satellite della sua costellazione, dopo MetOp-A e MetOp-B, lanciati rispettivamente nel 2006 e nel 2012. I primi due hanno già permesso di ridurre l’errore sulle previsioni meteorologiche del 27% e la costellazione al completo permetterà di migliorarle ulteriormente.

I satelliti MetOp sono anche orgoglio italiano, in quanti alcuni strumenti sono stati realizzati con un importante contributo dell’industria del nostro paese. Ad esempio, Gome-2 (Global Ozone Monitoring Experiment 2), progettato e realizzato dalla Leonardo a Campi Bisenzio (Firenze), che raccoglierà dati preziosi sull’ozono degli strati più alti dell’atmosfera e permetterà di controllare il fenomeno del buso dell’ozono sull’Antartide. Poi lo strumento Iasi-3 (Infrared Atmospheric Sounding Interferometer 3), sviluppato in Italia dalla Thales Alenia Space (Thales-Leonardo) per l’agenzia spaziale francese (Cnes), che sarà in grado di misurare in modo preciso temperatura e vapore acqueo in colonne di atmosfera, aiutando a controllare variazioni del clima, qualità dell’aria e chimica atmosferica.

I tre satelliti MetOp lavoreranno insieme fino al 2022, anno in cui è previsto il ritiro di MetOp-A, e si prevedere di sostituirla progressivamente con una seconda generazione. “Questi satelliti hanno dimostrato di essere fondamentali per l’accuratezza delle previsioni meteorologiche e rappresentano ancora la tecnologia più avanzata nel mondo”, commenta Graeme Mason, responsabile del programma MetOp per l’Esa. “Inoltre – aggiunge – hanno già ampiamente superato gli anni di vita per i quali erano stati progettati, confermandosi come un eccellente investimento per la comunità meteorologica”.



Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Gigantesco tornado si abbatte in nuova Zelanda: il video di poco fa

Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 18 novembre 2018 (ultimi terremoti, orario)

Meteo : Italia divisa in due, persiste il maltempo al sud – Previsioni 18 novembre 2018

Lunedi 19 novembre: risveglio FREDDO su molte regioni…
Martedì 20 novembre: MALTEMPO sull’Italia, spruzzate di NEVE a bassa quota al NORD