Terremoto intenso su Puglia e Basilicata : paura a Matera e Bari – dati INGV

Terremoto nettamente avvertito tra Puglia e Basilicata, epicentro tra BAT e barese.

Una scossa di terremoto relativamente intensa è stata registrata oggi 9 novembre 2018, esattamente alle 13.45, tra Puglia e Basilicata.

Stando ai dati primi dati giunti dai sismografi dell’INGV si è trattato di un terremoto di magnitudo 3.5 sulla scala richter con ipocentro fissato a circa 38 km di profondità. Epicentro individuato sulle Murge baresi, tra Altamura e Cassano delle Murge.

La scossa è durata almeno 3 secondi ed è stata avvertita chiaramente con tremori e boati.
La scossa è stata nettamente avvertita tra BAT, barese e materano. Migliaia le segnalazioni arrivate da Altamura, Gravina in Puglia, Santeramo, Bari, Acquaviva delle Fonti, Turi, Putignano, Conversano, Sammichele, Adelfia, Casamassima, Cassano, Rutigliano, Bitetto, Bitritto, Bitonto, Gioia del Colle, Grumo Appula, Palo del Colle, Andria, Barletta, Molfetta, Matera. Non ci sono danni a cose o persone, solo molta paura anche per l’epicentro piuttosto raro, dove raramente si verificando scosse di moderata-forte entità.

L’ipocentro piuttosto profondo (38 km nel sottosuolo) ha permesso alle onde sismiche di espandersi lungo un raggio più ampio : per questo motivo la scossa è stata avvertita in un raggio superiore ai 50 km, sin verso Barletta, Trani e le coste del materano (Bernalda e Pisticci). In questo articolo potete osservare la mappa dello scuotimento sismico che mostra sin dove è stata percepita la scossa.

 

TERREMOTI TEMPO REALE : ACCEDI ALLA NOSTRA NUOVA RETE DI MONITORAGGIO TERREMOTI! CLICCA QUI


Articolo di Raffaele Laricchia


SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Previsioni Meteo : severa depressione verso il sud, temporali e nubifragi nel week-end

Meteo Protezione Civile domani: ancora alta pressione e nebbie

Scossa di terremoto nello stretto di Messina: avvertita distintamente vicino all’epicentro

PREVISIONI METEO: l’inverno ruba il posto all’autunno, vediamo perché
California: l’incendio più disastroso nella storia degli Stati Uniti