Meteo : freddo, venti forti e nevicate al centro-sud, irrompe l’aria artica

La perturbazione artica giunta ieri sera sta mostrando i suoi effetti su numerose zone del centro-sud, attraverso venti forti, temperature basse, rovesci e anche nevicate a quote molto basse. La massa d’aria fredda sta interessando principalmente Abruzzo, Molise Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, dove troviamo le note di maggior instabilità. Altrove i cieli si presentano nel complesso sereni o poco nuvolosi, seppur con clima rigido (specie al nord dove registriamo temperature minime fino a -5°C).

Nel corso della giornata di oggi, 3 gennaio 2019, affluirà senza sosta aria gelida dai Balcani verso il centro-sud, la quale apporterà instabilità via via sempre maggiore che provocherà un crollo della quota neve sin verso pianure e coste dall’Abruzzo alla Puglia. I fenomeni non saranno diffusi, bensì localizzati. Nonostante ciò le nevicate potranno risultare anche molto intense, tanto da causare accumuli di neve al suolo superiori ai 10/15 cm. Le zone che maggiormente saranno coinvolte dalle nevicate sono l’Abruzzo centro-meridionale, Molise, BAT, provincia di bari (specie settori centro-occidentali), materano e il Salento tra brindisino e leccese. 
Le nevicate giungeranno anche nel potentino, nelle zone interne della Campania, cosentino ionico e sulla Sicilia settentrionale sin verso i 200-300 metri di quota. 

scatto satellitare ore 08.50 – evidenti le bande nuvolose al sud, che causano nevicate a bassa quota

Ovviamente non stiamo prendendo in considerazione l’ulteriore peggioramento che avrà inizio nella notte e proseguirà per l’intera giornata di venerdì 4, su molte regioni del centro-sud. Ne parleremo in maniera più approfondita in un altro articolo.

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK



Altri articoli


Venti fortissimi al Nord, in Lombardia: centinaia di interventi, due donne ferite

Iran : alluvione devastante travolge la città di Shiraz [VIDEO]

Brasile : ecco il ciclone Iba, rarissimo sistema tropicale dell’Atlantico meridionale

MODELLO EUROPEO: in marcia verso un episodio di tempo PERTURBATO nei primi giorni di aprile