Meteo oggi : peggioramento in atto, nevica a Milano. Maltempo verso il centro-sud

Come previsto il tempo si sta guastando nuovamente su buona parte d’Italia per effetto di una nuova perturbazione nord atlantica responsabile anche di locali nevicate fino in pianura sul Settentrione. Questo fronte perturbato non è il primo e non sarà l’ultimo di queste ultime movimentate settimane, anzi, nei prossimi giorni assisteremo al transito di altre perturbazione che porteranno tantissima neve sulle Alpi e a tratti anche a bassa quota.

Nel corso della giornata di oggi, 30 gennaio 2019, il maltempo abbraccerà gran parte del lato tirrenico dalla Liguria orientale sino alla Sicilia : su queste regioni troveremo piogge diffuse e nevicate solo a quote medio-alte ad eccezione di Liguria e Toscana dove potrebbe nevicare in verso i 200-300 metri (anche a quote più basse sul genovese). 
Le precipitazioni stanno interessando anche il nord e segnatamente Lombardia, Piemonte sud-orientale ed Emilia : qui sta nevicando a tratti anche in pianura, tanto che i fiocchi di neve hanno raggiunto anche Milano. (In alto il video di Carmine Canino, periferia ovest di Milano).
Nelle prossime ore continuerà a nevicare sulla Lombardia meridionale e in Emilia, sino alle porte di Bologna, almeno sino a sera. Possibili locali nevicate fino a bassissima quota anche in Trentino alto Adige. 
Precipitazioni pressocchè assenti su Piemonte, Valle d’Aosta, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Situazione simile anche per il medio-basso Adriatico dove avremo cieli nuvolosi ma senza piogge (ad eccezione delle Marche dove in giornata giungeranno locali rovesci).

ANCORA NEVICATE NEI PROSSIMI GIORNI

Tra domani e venerdì transiterà una nuova perturbazione atlantica, ben più intensa di quella attuale, che potrebbe regalare nevicate anche in pianura su gran parte del nord-ovest (Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia occidentale), mentre i settori orientali del nord potrebbero ricevere importanti quantitativi di pioggia in pianura e neve in montagna. 
Ne parleremo meglio nei prossimi aggiornamenti.

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK