Previsioni meteo: nuovo ruggito dell’inverno la prossima settimana. Freddo intenso e neve su regioni adriatiche.

L’alta pressione consolidatasi in questi giorni sull’area mediterranea ci terrà compagnia fino a Domenica, garantendo condizioni meteo generalmente stabili e clima piuttosto mite durante le ore centrali del giorno. 

A seguire però la situazione meteo cambierà radicalmente: una saccatura d’aria artica penetrerà sul bacino mediterraneo e sull’Italia, aprendo una fase più fredda, di stampo prettamente invernale, che ci accompagnerà per tutta la prossima settimana. 

Gli effetti maggiori li avremo ancora una volta sulle regioni adriatiche e al Sud Italia, target (insieme ai Balcani) di questa nuova irruzione d’aria fredda. Dopo un passaggio instabile piuttosto veloce che anticiperà l’irruzione fredda, con fenomeni attesi soprattutto su Nord-Est e regioni adriatiche fra Domenica sera e Lunedì, la fase clou del freddo sarà fra Martedì e Giovedì, quando avremo l’ingresso del nocciolo con isoterme più rigide sulle suddette zone: nelle giornate di Martedì e Mercoledì questa massa d’aria gelida potrà dare luogo anche a deboli nevicate fino a bassa quota (200-300 metri) sui settori del medio-basso versante adriatico e nelle zone appenniniche. Oltre al freddo sarà protagonista anche il vento, che spirerà forte dai quadranti settentrionali rendendo molto mossi i mari esposti. 

Anche al Nord Italia il clima sarà freddo, anche se generalmente meno ventilato e soprattutto asciutto. Non sono previste infatti precipitazioni degne di nota per gran parte della prossima settimana.  

Nei prossimi giorni torneremo nuovamente e con maggiori dettagli su questa ondata di freddo in arrivo. 


 

Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK



Ultime notizie Leggi tutte


Meteo Protezione Civile domani: ancora tempo stabile ma con nebbie diffuse al Nord

Etna: spettacolare nube di cenere con la luna piena sullo sfondo. Ci sono pero forti disagi.

Valanga si abbatte su pista di Crans Montana (Alpi svizzere): il video shock

MODELLO EUROPEO: raffreddamento confermato nell’ultimo weekend di febbraio
La superluna di neve: immagini spettacolari