Meteo : alta pressione e stabilità oggi, ma il week-end riserva delle sorprese!

L’alta pressione delle Azzorre giunta a metà settimana sta regalando un inizio di week-end piuttosto stabile su quasi tutta Italia, in maniera particolare al centro-sud. Il Sole splende pressocchè ovunque escludendo locali addensamenti presenti sul nord-ovest e le regioni tirreniche tra Liguria e Toscana, una situazione tipica in presenza dell’anticiclone.

Le previsioni per oggi, 9 febbraio 2019, sono dunque abbastanza semplici e “scontate” : tempo stabile su buona parte della nostra penisola ed entrambe le isole maggiori mentre su Liguria centro-orientale e Toscana settentrionale avremo un costante aumento della nuvolosità che addirittura potrebbe dar luogo a qualche debole pioviggine. Si tratta del fenomeno classico della “maccaja” ed è dovuto all’accumulo di umidità nei bassi strati sul mar Ligure e l’alto Tirreno, trasportato sulle coste dai deboli venti provenienti da sud o sud-ovest. 
In serata possibili foschie e locali banchi di nebbia sulla pianura Padana centro-occidentale.

Temperature in netto aumento nei valori massimi : la colonnina di mercurio si porterà sin verso i 15-16°C su gran parte del centro-sud, mentre avremo qualche grado in meno al nord. Calo termico repentino in serata per effetto dell’inversione termica, determinata dall’alta pressione, in maniera più marcata su pianure e vallate.

DOMANI TEMPO IN PEGGIORAMENTO?

A partire da domani la situazione barica sull’Europa comincerà a mutare sensibilmente : l’alta pressione delle Azzorre inizierà a perdere colpi sul Mediterraneo e lascerà spazio a nuove correnti instabili provenienti dal nord Atlantico e, successivamente, anche dal nord-est Europa. Un fronte perturbato riuscirà a portare, nel corso della giornata di domani 10 febbraio, piogge sparse sulle regioni del nord specie su Liguria, Toscana settentrionale, Lombardia e il Triveneto. Nubi in aumento anche su quasi tutto il centro Italia. Resisterà il bel tempo al sud dove si sfioreranno anche i 18°C.

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK