Previsioni Meteo : forte anticiclone sull’Europa, pesante anomalia in arrivo. Inverno finito?

L’alta pressione delle Azzorre si sta rinforzando su tutta l’Europa centro-occidentale e sta acquisendo gradualmente caratteristiche simil-tropicali in quando sta iniziando a traghettare aria piuttosto mite alle medio-alte quote direttamente dal Sahara occidentale. L’anticiclone si sta espandendo sin verso Gran Bretagna e Scandinavia occidentale ed è destinata a coinvolgere anche tutta la nostra penisola. Il centro-nord Italia già si trova sotto l’egemonia anticiclonica, mentre il sud si trova ancora in balia delle correnti più fredde di origine artica che scorrono proprio sul bordo orientale del vasto anticiclone.

Dopo la rapida retrogressione fredda attesa domani al sud (ve ne abbiamo parlato in maniera approfondita qui) l’anticiclone sarà il protagonista principale sulla nostra penisola per diversi giorni, probabilmente sino all’inizio della terza decade di febbraio. 
L’Italia si appresta a vivere, dunque, una fase molto stabile e soleggiata, a tratti anche mite di giorno : sarà principalmente il nord ad assaporare le temperature più alte, a tratti anche superiori ai 14-15°C, mentre avremo qualche grado in meno al sud grazie alla persistenza di debolissime correnti fredde da est (un classico con la formazione di vaste alte pressioni sull’Europa centro-occidentale). Di notte si farà sentire certamente il freddo grazie alle inversioni termiche, specie su pianure e vallate.

PESANTE ANOMALIA PER L’EUROPA

La parte più attiva dell’anticiclone coinvolgerà Paesi come Spagna, Francia, Svizzera, Germania, Finlandia, Scandinavia, Norvegia e Gran Bretagna : praticamente gran parte dell’Europa centro-occidentale sarà interessata da un vasto campo di alta pressione in maniera quasi ininterrotta per almeno 10/12 giorni. Questo forte e persistente anticiclone (conosciuto anche come anticiclone ad omega) sarà causato da un potente affondo della corrente a getto nel cuore dell’Atlantico, sin verso latitudini piuttosto basse. 
L’apice del caldo fuori stagione giungerà tra il 20 e il 25 febbraio : in questo periodo assisteremo all’ingresso in Europa di masse d’aria piuttosto miti provenienti dal Sahara occidentale, legate a geopotenziali e valori di pressione in alta quota tipici del mese di maggio o giugno. 

Anomalie notevoli nei prossimi giorni sull’Europa centro-occidentale. Domani oltre i 12°C sopra le medie del periodo

Le temperature saliranno in maniera repentina e stando alle ultime emissioni di modelli matematici si potrebbero registrare anomalie positive fino a 14-15°C rispetto alle medie del periodo (quindi significa che le temperature potranno superare abbondantemente anche i 20°C). 
Le temperature aumenteranno anche in Italia, specie al nord, ma in maniera nettamente più contenuta rispetto al resto dell’Europa centro-occidentale. 

INVERNO FINITO?

Analizzando lo schema barico che va man mano instaurandosi sull’Europa è molto probabile che da qui sino al termine di febbraio sarà molto difficile assistere ad incursioni fredde o nevicate sul nord Italia e sul versante tirrenico. Discorso diverso per le regioni adriatiche e il sud Italia dove proprio in circostanze come queste, dove abbiamo un potente anticiclone sull’Europa occidentale, riescono ad inserirsi ondate di freddo anche piuttosto marcato in grado di portare neve a bassa quota. 
Nel corso della terza decade di febbraio aumentano infatti le possibilità di una nuova fase fredda (dopo il 23-24 del mese) sulle regioni meridionali e adriatiche, ma ovviamente al momento si tratta solo di ipotesi.

Il 28 febbraio terminerà ufficialmente l’inverno meteorologico, mentre quello astronomico terminerà il 21 marzo : spingersi ora nel prossimo mese è praticamente impossibile per chiunque, quindi parlare ora di inverno finito o non finito è davvero prematuro.

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK



Altri articoli


Ora legale abolita dal Parlamento Europeo: ecco adesso cosa avviene

Forte grandinata nel leccese: fiumi di acqua e ghiaccio per le strade di Cutrofiano

Appennino : trovate senza vita due aquile reali, si teme avvelenamento

Confermata importante fase di tempo PERTURBATO sull’Europa nella prima decade di aprile

Pioggia al nord? Una possibilità più concreta fissata ai primi giorni di aprile