Intensi temporali in discesa verso il sud, danni per il vento. Cielo impressionante a Pescara

Come previsto il maltempo sta sferzando le regioni adriatiche dove in pochi minuti si è passati dalla primavera all’inverno. L’aria artica sta gradualmente scalzando quella molto mite che si era accumulata negli ultimi giorni su tutta la nostra penisola (tanto che le temperature si erano portate oltre i 20°C) e la logica conseguenza di questi forti contrasti è la formazione di temporali intensi ed estesi.

Purtroppo dobbiamo segnalare ingenti danni in pianura Padana a causa dei venti tempestosi (ve ne abbiamo parlato qui) e attorno alle 16.00 i temporali hanno colpito fortemente anche le Marche dove le raffiche di vento, oltre 100 km/h, hanno abbattuto alcuni alberi e divelto cartelloni, pali della luce e tetti.

Shlef cloud su Silvi Marina (Pescara) – foto www.inmeteo.net

Il fronte freddo è in continuo movimento verso sud e poco dopo le 17.00 ha superato Pescara : il contrasto tra l’aria fredda in alta quota e quella calda presente al suolo ha dato origine ad una “shelf cloud”, ovvero la parte più avanzante del temporale) davvero maestosa e a tratti inquietante. Nella foto di Luca Mennella, di InMeteo.net, si nota chiaramente la “cascata” di nubi verso il basso, segno del crollo dell’aria fredda verso il suolo che va a scontrarsi con l’aria più calda. La shelf cloud è proprio il risultato di questo contrasto.

I temporali raggiungeranno anche Molise, Campania, Puglia e Basilicata entro stasera e le ore notturne. Prestare attenzione alle intense raffiche di vento e ai temporali, carichi anche di grandine. Locali piogge e venti forti interesseranno anche Calabria tirrenica e Sicilia settentrionale.

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK



Altri articoli


Ora legale abolita dal Parlamento Europeo: ecco adesso cosa avviene

Forte grandinata nel leccese: fiumi di acqua e ghiaccio per le strade di Cutrofiano

Appennino : trovate senza vita due aquile reali, si teme avvelenamento

Confermata importante fase di tempo PERTURBATO sull’Europa nella prima decade di aprile

Pioggia al nord? Una possibilità più concreta fissata ai primi giorni di aprile