Maltempo : irrompe l’aria artica. Fronte carico di temporali in discesa

Come ampiamente previsto il tempo sta radicalmente cambiando sull’Italia dopo l’assaggio di primavera durato praticamente tutta la prima decade di marzo. L’inverno sta irrompendo nuovamente sul Mediterraneo attraverso fredde correnti artiche che proprio in questi minuti stanno sovrastando le Alpi e stanno attraversando l’alto Adriatico pronte a creare intensi contrasti termici e numerosi temporali.

Il fronte freddo della perturbazione è giunto sul nord-est ed Emilia Romagna proprio nel corso delle ultime 2 ore, dando origine ad una vera e propria fascia di temporali estesa centinaia di chilometri, assolutamente normale dopo oltre 10 giorni di clima molto mite per il periodo. La differenza di temperatura tra quella già presente sull’Italia e quella in arrivo è davvero notevole e dunque è lecito attendersi numerosi rovesci e temporali, come in una classica giornata di tarda primavera.
Come potete osservare dalle immagini del satellite e del radar si sono formati molti nuclei instabili che si stanno rapidamente intensificando in seno alle correnti fredde artiche. I venti sono intensi, tanto che si registrano già raffiche fino a 60-70 km/h sulla pianura Padana. Man mano che avanza l’aria fredda crollano anche le temperature, anche di oltre 10°C.

Nelle prossime ore il fronte freddo, carico di piogge, temporali e venti forti, attraverserà tutto il centro-Italia rivelandosi molto più intenso sui settori adriatici tra Marche, Abruzzo e Molise. Non mancheranno anche locali grandinate. La neve scenderà oltre i 400-500 metri di altitudine. 
Entro stasera il fronte temporalesco raggiungerà anche Campania, Basilicata e Puglia. Deboli piogge giungeranno anche su Calabria tirrenica e Sicilia settentrionale, ma nulla di rilevante rispetto al resto del sud dove i fenomeni saranno più incisivi e duraturi. Attenzione ai venti tempestosi, così come comunicato anche dall’aeronautica militare.

Il peggioramento sarà rapido : già nel tardo pomeriggio i fenomeni inizieranno ad esaurirsi al nord e domani splenderà il Sole ovunque. Durata simile anche al centro-sud dove i fenomeni cesseranno entro le prime ore di domani mattina (sebbene resteranno forti e tesi venti di maestrale).

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK