Si avvicina la data del ritorno all’ora legale. Dal 2021 addio cambio orario?

Ci avviciniamo progressivamente al momento del cambio dell’ora, che quest’anno avviene l’ultimo giorno del mese di Marzo. 

La notte del 31 Marzo l’orario passerà infatti dalle 2.00 alle 3.00: con lo spostamento un’ora avanti delle lancette avremo il passaggio di consegne fra ora solare e ora legale.

Il cambio orario farà si che riposeremo un’ora in meno la notte di Domenica 31. Per la gioia di molti però il cambio orario porterà una maggiore durata della luce al pomeriggio, col sole che tramonterà di fatti un’ora più tardi. Un aspetto che ci farà sentire ancora più vicini alla bella stagione.

Va ricordato che l’ora legale ha generato anche discussioni e diatribe negli ultimi anni: un’eventuale abolizione del cambio orario (mantenendo quindi un unico orario) è finita nel 2018 perfino sul tavolo della Commissione Europea, che ha lanciato una consultazione pubblica, ottenendo 4,6 milioni di risposte.

Il Parlamento europeo ha poi deciso che la decisione definitiva verrà presa fra 2 anni, ovvero nel 2021. La commissione Trasporti ha di fatti bocciato la proposta che voleva abolire il fuso orario già quest’anno. Dunque, chi nel 2021 deciderà di rimanere all’ora solare o legale, poi non potrà tornare più indietro. La posizione della commissione Trasporti dovrà ora essere approvata dall’Aula, e in quel caso il Parlamento avrà ufficialmente la sua posizione sul dossier, e con questa potrà avviare i negoziati con il Consiglio, dove l’idea di porre fine al doppio regime orario dal 2021 non sembra essere particolarmente osteggiata.

Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK



Altri articoli


Ora legale abolita dal Parlamento Europeo: ecco adesso cosa avviene

Forte grandinata nel leccese: fiumi di acqua e ghiaccio per le strade di Cutrofiano

Appennino : trovate senza vita due aquile reali, si teme avvelenamento

Confermata importante fase di tempo PERTURBATO sull’Europa nella prima decade di aprile

Pioggia al nord? Una possibilità più concreta fissata ai primi giorni di aprile