Previsioni Meteo : il cambiamento tanto atteso, tantissima pioggia in arrivo!

Ormai ci siamo, la siccità ha letteralmente le ore contate su tutta la nostra penisola dopo un predominio di oltre 3 mesi, principalmente sulle regioni tirreniche e settentrionali. Il fiume Po ormai ai minimi storici, come fosse il mese di agosto, è il chiaro segno della situazione disastrosa in cui versano i bacini idrici della nostra penisola. Solo il sud Italia non sta soffrendo la siccità grazie alle numerose perturbazioni cariche di pioggia susseguitesi nel corso dell’inverno.

Ora la situazione sta per cambiare definitivamente : l’alta pressione sta già cominciando a perdere colpi e tenderà ad indietreggiare sin tanto da portarsi nel cuore dell’oceano Atlantico. Così facendo lascerà campo libero alle perturbazioni atlantiche, le quali potranno gettarsi nel Mediterraneo senza alcun ostacolo ad impedirlo.
Nel corso di questa settimana assisteremo al transito di ben 3 distinte perturbazioni sulla nostra penisola, che coinvolgeranno sia le regioni del nord che quelle del centro-sud : la prima giungerà tra mercoledì e giovedì (la più intensa), la seconda tra venerdì e sabato e la terza nel corso della giornata di domenica.

TANTISSIMA PIOGGIA IN ARRIVO

Tutte queste perturbazioni atlantiche cariche di pioggia per le pianure e di neve per le montagne garantiranno un ottimo apporto d’acqua in lungo e in largo sull’Italia. In particolare le regioni più colpite saranno quelle del nord Italia dove entro il week-end potrebbero cadere oltre 200 mm di pioggia su Alto Piemonte, Lombardia centro-settentrionale, Trentino Alto Adige, alto Veneto. Ciò significa che sulle Alpi, oltre i 1000/1200 metri cadranno importanti accumuli di neve (oltre i 2000 metri ci aspettiamo oltre 2 metri di accumulo nevoso).
Tanta pioggia anche per Liguria, Toscana, Friuli, Lazio, Sardegna, Campania, Umbria, mentre avremo accumuli un po’ più ridotti, per via delle correnti sfavorevoli, sul versante adriatico e su zone come basso Piemonte, bassa Lombardia ed Emilia Romagna.

FOCUS PRIMA PERTURBAZIONE

La prima perturbazione di questo vero e proprio treno piovoso giungerà sull’Italia tra mercoledì e venerdì : essa è legata ad una saccatura artica che si posizionerà tra Francia e Germania ma sarà comunque determinante nella formazione di un minimo di bassa pressione nel mar Ligure, indispensabile per l’arrivo della pioggia.
I primi effetti del peggioramento li noteremo domani, martedì 2 aprile, quando potranno formarsi locali acquazzoni e temporali sull’arco alpino e prealpino. Il peggioramento vero e proprio giungerà mercoledì quando vedremo piogge più estese e diffuse sulle regioni tirreniche dal Lazio alla Liguria e su gran parte del nord. Piogge più abbondanti sui versanti esposti come l’alto Piemonte, Liguria, Lombardia settentrionale, alto Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli. In ombra il basso Piemonte e l’Emilia Romagna, dove le piogge saranno più deboli e isolate. Tanta neve oltre i 1000 metri di quota al nord, oltre i 1500-1700 metri sull’Appennino settentrionale.
Possibilità piuttosto alta di temporali intensi tra Toscana e Lazio nella giornata di mercoledì. 

Giovedì ancora piogge abbondanti al nord con tanta neve oltre i 1000/1200 metri di altitudine. Piogge anche al centro-sud, dove soffierà anche un vento sostenuto di scirocco che manterrà alte le temperature. 



Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK