NASA : stazione spaziale internazionale “colpita” da funghi e batteri. Rappresentano un rischio?

Un comunicato emesso dalla NASA nella giornata odierna avvisa che la stazione spaziale internazionale (ISS) risulta essere sotto “attacco” di micro-organismi dannosi per la stazione stessa. L’analisi effettuata rivela che la ISS è infestata da batteri e funghi che a lungo andare potrebbero risultare nocivi non solo per gli astronauti a bordo, ma anche per la stabilità strutturale della stazione.

La NASA rivela che alcuni di questi batteri sono in grado di corrodere i metalli e quindi sono potenzialmente pericolosi per la ISS. La dottoressa Camilla Urbaniak, autrice di un rapporto sulle “comunità microbiche e micologiche” sulla base spaziale, ha dichiarato: «Alcuni dei microrganismi identificati sulla ISS sono stati anche implicati nella corrosione microbica indotta sulla terra. Tuttavia il ruolo corrosivo che svolgono all’interno della stazione internazionale è da verificare». Ha poi aggiunto: «Oltre a comprendere l’effetto di questi microrganismi, è necessario comprendere il loro potenziale impatto sulle navicelle spaziali. Sarà importante studiarli per mantenere la stabilità strutturale del velivolo durante le missioni spaziali a lungo termine, quando la manutenzione interna di routine non potrà essere facilmente eseguita».

La certezza sulla pericolosità di questi batteri e funghi per gli astronauti non c’è ancora come confermato dalla dottoressa Checinska Sielaff  : “E’ tutt’ora sconosciuto se questi batteri possano avere delle ripercussioni sugli astronauti della ISS. Ciò dipenderebbe da una serie di fattori, tra cui lo stato di salute di ciascun individuo ed il modo in cui questi microrganismi si sviluppano all’interno dell’ambiente spaziale. Indipendentemente da questo, la scoperta di possibili microrganismi che causano malattie evidenzierebbe l’importanza di effettuare ulteriori studi per esaminare come questi si comportino nello spazio”.

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK