Domani ondata di freddo eccezionale per maggio : nevicherà davvero a bassa quota?

A poco più di 25 giorni dall’inizio dell’estate meteorologica (che avrà inizio il 1° Giugno) ci ritroviamo a commentare un vero e proprio colpo di coda invernale, nettamente in ritardo sulla tabella di marcia e che potrebbe risultare davvero eccezionale per il periodo per molte località italiane.

Una vasta massa d’aria fredda proveniente dall’Artico sta attraversando tutta l’Europa ed è ormai giunta alle porte dell’Italia : si tratta di aria molto fredda alle medio-alte quote e i Paesi dell’Europa centro-settentrionale ne stanno subendo gli effetti in termini di calo termico davvero sostanzioso e nevicate fino a bassa quota.
I primi cenni del peggioramento li stiamo già riscontrando lungo la nostra penisola (ve ne abbiamo parlato qui) ma l’ingresso effettivo dell’aria fredda avverrà domani, 5 maggio 2019.

I freddi venti settentrionali aggireranno le Alpi dalla Valle del Rodano e daranno vita ad un vortice di bassa pressione molto profondo (fino a 992 hpa) sul mar Ligure : questa depressione innescherà forte maltempo su tutto il nord-est e le regioni centrali (specie Toscana e Marche), venti intensi a rotazione ciclonica e infine anche un sensibile calo delle temperature su tutto il Settentrione.

RITORNA LA NEVE A BASSA QUOTA

Il vortice di bassa pressione richiamerà ulteriore aria fredda dai Balcani, la quale si insinuerà dall’alto Adriatico su tutto il nord-est andando ad impattare sull’Appennino centro-settentrionale. Saranno proprio regioni come Marche, Emilia Romagna e Veneto ad osservare le note maggiormente instabili e soprattutto il calo più sostanzioso delle temperature.
La colonnina di mercurio scenderà di almeno 10/13°C rispetto ai valori attuali e permetterà il ritorno della neve fino in collina sul Triveneto e in Emilia nel corso della giornata di domenica. In particolare domani mattina potrà nevicare sin sui 600-700 metri su Trentino, Friuli Venezia Giulia e Veneto, mentre sull’Emilia la neve potrebbe fare la sua comparsa, tra domani mattina e pomeriggio, addirittura sui 400-500 metri (ci riferiamo in particolare a piacentino, parmense, modenese, reggiano e bolognese). Neve oltre i 900/1000 metri dalle Marche in giù.

Tra domani sera e lunedì l’aria fredda scivolerà anche sul centro-sud accompagnato da forti venti di maestrale che faranno precipitare la colonnina di mercurio di almeno 10°C. La neve tornerà anche sull’Appennino centro-meridionale nella giornata di lunedì oltre i 1000/1200 metri di altitudine. 

TANTA NEVE IN APPENNINO

L’Emilia Romagna sarà la regione più colpita dalle nevicate : i fiocchi di neve si spingeranno sino a quote di media collina, ma oltre i 600-700 metri possiamo già parlare di accumuli importanti per il periodo. Si prospettano infatti fino a 10-15 cm di neve sui 600 metri e addirittura oltre i 50 cm di neve fresca oltre i 900/1000 metri. Accumuli tra i 10 e i 30 cm sulle Alpi centro-orientali, mentre sull’Appennino centro-meridionale avremo accumuli molto più modesti, tra i 2 e i 15 cm oltre i 1400-1500 metri.

Sulla pianura Padana orientale domani pioverà con temperature tra i 4 e i 7°C in pieno giorno e la percezione del freddo sarà amplificata dai fortissimi venti di Bora. Insomma parliamo di un evento assolutamente eccezionale per il mese di maggio, ad un passo dall’estate. 
Ovviamente è importante specificare che in passato l’Italia ha vissuto più volte situazioni così estreme, addirittura in piena estate. Ve ne parlammo tempo fa in questo articolo.

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK