Bollettino Protezione Civile: freddo e maltempo verso il Sud domani

La bassa pressione che attualmente sta interessando il centro-nord, nella giornata di domani, agirà seppur meno intensa sulle regioni meridionali. Qui sono previste condizioni di instabilità e temperature in netto calo rispetto alla giornata odierna. Al contempo avremo un netto miglioramento del tempo sul Centro-Nord Italia. 

Di seguito il bollettino meteo dettagliato della Protezione Civile:

Previsioni meteo Lunedì 6 Maggio 2019

Precipitazioni:

  • sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su tutte le regioni meridionali peninsulari, con quantitativi cumulati da deboli a puntualmente moderati, specie sui settori tirrenici della Calabria;
  • da isolate a sparse, anche a carattere di rovescio o breve temporale, su Romagna, Marche, Umbria orientale, Lazio orientale e meridionale, Abruzzo, Molise e Sicilia settentrionale, con quantitativi cumulati generalmente deboli, puntualmente moderati sui settori Adriatici.

Nevicate: al mattino sparse, a quote superiori a 800-1000 m, sui settori appenninici centro-settentrionali, con apporti al suolo da deboli a moderati.

Leggi anche: Maltempo in Emilia : drastico calo della quota neve in atto, è pieno inverno

Visibilità: nessun fenomeno significativo.

Temperature: minime in sensibile diminuzione al centro-sud e sulla Romagna; massime in sensibile aumento al Nord ed in sensibile diminuzione sulle regioni adriatiche centrali ed al Sud.

Venti: da forti a burrasca nord-occidentali su Sardegna, Sicilia, Calabria e Basilicata meridionale; forti settentrionali sulle restanti regioni centro-meridionali con raffiche di burrasca sui settori costieri dell’Adriatico; dalla sera generale attenuazione su tutte le regioni centrali.

Mari: agitati, molto agitati al mattino, lo Stretto di Sicilia, il Mare ed il Canale di Sardegna; agitati i settori meridionali di Tirreno e Ionio; molto mossi l’Adriatico centro-meridionale e i restanti settori di Tirreno e Ionio; moto ondoso in graduale calo dal pomeriggio.

Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK