Meteo : depressione bloccata sull’Italia, inizio di settimana autunnale

La perturbazione giunta sabato sera sull’Italia non accenna minimamente ad esaurirsi o ad allontanarsi a causa della particolare configurazione barica venuta a svilupparsi nelle ultime ore nello scacchiere europeo. La depressione è totalmente bloccata nel Mediterraneo centrale, essendo circondata da entrambi i lati da figure di alta pressione : ciò comporta la persistenza dell’intera saccatura fresca, con annesso vortice depressionario, sull’Italia e la situazione è destinata a restare pressocchè invariata sino a giovedì.

Questa persistenza della depressione comporta la persistenza stessa delle nubi e delle piogge, le quali localmente possono dar vita anche ad episodi alluvionali (come il caso dell’Emilia Romagna). Il vortice di bassa pressione è ora centrato sul mar Tirreno e attorno ad esso ruotano vasti fasci nuvolosi che scaricano piogge principalmente sul lato adriatico.
Il tempo resterà perturbato su gran parte della penisola anche nella giornata di oggi, 13 maggio 2019 : 

NORD – più asciutto sul nord-ovest dove avremo schiarite anche ampie, discorso diverso per il nord-est dove avremo tante nubi e piogge, specie in Emilia Romagna e a ridosso dell’Appennino. Rischio elevato di eventi alluvionali in corrispondenza dei principali bacini idrici della regione. Fenomeni in esaurimento dalla sera.

CENTRO – Pioggia senza sosta per l’intera giornata sul lato adriatico, in particolare in Abruzzo dove i fenomeni potranno essere anche intensi. Temporali sulle aree più interne. Maggiori schiarite e fenomeni isolati su Toscana e Lazio. Locali addensamenti con acquazzoni anche in Sardegna (specie zone orientali).

SUD – Peggiora nuovamente su Puglia e Basilicata, specie dal pomeriggio, dove non mancheranno acquazzoni e anche forti temporali. Instabilità in aumento nel pomeriggio anche su Campania (zone interne in primis), Appennino calabrese e sulla Sicilia.

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK