Secchia in Piena : attivato l’allarme nel modenese, persone ai piani alti

Continua a piovere sull’Emilia Romagna e la situazione dei principali bacini idrici della regione peggiora di minuto in minuto tanto da costringere le autorità locali ad attivare la fase di allarme nel nel modenese. In particolare preoccupa la piena del Secchia, di cui già vi avevamo parlato ieri sera.

Il fiume Secchia sta raggiungendo rapidamente il livello massimo di allerta, pertanto in via precauzionale è stato attivato l’allarme nel modenese nei comuni di Modena (zona Ponte Alto, San Pancrazio e Villanova), Soliera, Bomporto e Bastiglia. La popolazione è invitata a portarsi ai piani superiori delle abitazioni. 
Il sistema di Protezione Civile con Regione, Comuni e strutture operative sta monitorando e presidiando l’ evolversi della situazione, i centri operativi comunali COC sono aperti. 
Di seguito l’avviso : “Per la situazione del fiume Secchia che raggiungerà presto livelli tali da determinare l’attivazione della fase di allarme, si invitano tutti i cittadini a prestare la massima attenzione e ad eseguire tutte le istruzioni che da ora in poi verranno diramate per conto del Sindaco da pubbliche autorità. In particolar modo si raccomanda di limitare gli spostamenti in automobile allo stretto necessario e di prestare la massima attenzione nel percorrere ponti, sottopassi, strade sotto l’argine, di non utilizzare interrati e seminterrati”.

Chiusi al traffico i ponti del modenese sul Secchia e sul torrente Tiepido (quest’ultimo già chiuso ieri sera). Chiusi anche il ponte di Navicello vecchio sul Panaro. 
Il colmo della piena del Secchia è atteso attorno alle 10.30 di stamattina. Rimangono così chiusi Ponte Alto a Modena e il ponte dell’Uccellino tra Modena e Soliera, entrambi sul fiume Secchia. Così come rimane chiusa alla circolazione via Gherbella, nel tratto compreso tra via Baccelliera e stradello San Lorenzo, il cui percorso attraversa il torrente Tiepido. Chiuso anche il ponte di via Curtatona, sempre sul Tiepido.

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK