Meteo, irrompe l’aria fredda : crollo termico, piogge e anche neve eccezionale in collina

Come ampiamente previsto ieri sera in questo nostro approfondimento, è giunta sull’Italia una nuova massa d’aria ancor più fredda di quella che già era presente : il nuovo nucleo freddo, giunto direttamente dalla Scandinavia, ha valicato l’arco alpino in nottata generando molta instabilità e causando un ulteriore sensibile calo delle temperature, le quali si sono riportate ben sotto i 10°C anche in pianura. 

Le temperature minime della notte in pianura Padana vanno dai 2 ai 6°C, mentre basta andare in collina per trovare valori addirittura vicini allo zero. Tutto merito di una “goccia fredda” alle medio-alte quote (-30°C a 5000 metri) che ha generato importanti moti convettivi rilasciando verso il basso gran parte del freddo. Ecco spiegate anche le clamorose nevicate giunte anche sotto i 700 metri sul Triveneto e in Emilia Romagna! Addirittura sta nevicando sulla diga di Ridracoli, in Romagna, situata a circa 500 metri di altitudine!

scatto satellitare ore 09.15 – La goccia fredda sta attraversando il mar Tirreno dopo aver colpito il nord nella notte

Il fronte freddo generato da questo nuovo nucleo sta attraversando il mar Tirreno dove coinvolge principalmente Toscana meridionale, Sardegna e Lazio : questo fronte si muove verso il basso Tirreno e tra stasera e domani coinvolgerà la Sicilia e parte del sud Italia.
La giornata di oggi, 15 maggio 2019, sarà comunque caratterizzata da altra instabilità sul nord-est, dove persiste il flusso fresco nord-orientale : quindi ancora tante nubi e piogge, con neve oltre i 600-800 metri di quota.

Diga di Ridracoli, circa 500 metri in Romagna – Sta nevicando!

Tanta instabilità anche al centro-sud, specie nel pomeriggio, dove i temporali potranno risultare localmente molto forti. In Appennino centro-meridionale nevicherà oltre i 900/1200 metri.

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK