Incendio di Brendola, pesante impatto ambientale. Fiumi carichi di schiuma e stop alle irrigazioni

Il grave incendio che pochi giorni fa ha colpito la fabbrica di vernici di Brendola, nel vicentino, sta avendo ripercussioni pesanti sull’ambiente circostante e anche sulle aziende agricole sia del vicentino che del padovano, come se già non bastasse il cattivo tempo a danneggiare l’agricoltura.

Il dipartimento provincia dell’Arpav, dopo un incontro col Genio Civile, ha emesso un’ordinanza che vieta totalmente l’utilizzo di acqua appartenente al bacino Fratta-Gorzone e ai corsi d’acqua Guà, Frassine, Brancaglia, Santa Caterina e Gorzone. Dunque stop per le irrigazioni nei campi di numerosi centri abitati : in particolare ci riferiamo ai comuni di Montagnana, Borgo Veneto, Ospedaletto Euganeo,o Este, Vighizzolo, Carceri, Sant’Urbano, Vescovana, Granze, Stanghella, Pozzonovo e Anguillara.

Il Frassine colmo di schiuma

Il disastro ambientale di Brendola sta avendo pesanti ripercussioni sui bacini e corsi d’acqua poc’anzi menzionati : in particolare si registra un netto aumento dell’inquinamento che addirittura si sta manifestando sotto forma di schiuma ben visibile.
La CIA-Agricoltori italiani di Padova chiede alle istituzioni di intervenire con aiuti concreti alle aziende.

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK