Maltempo al Nord-Est: strage di alberi sulle Dolomiti trentine

La forte ondata di maltempo che si è abbattuta nel pomeriggio/sera di ieri sul Nord-Est ha colpito anche il Trentino Alto Adige, con vari disagi e danni causati da vento, pioggia e grandine. 

Un temporale particolarmente intenso, con associate forti raffiche di vento lineari vicine ai 100 km/h (downburst), ha colpito la Val di Fassa. Un’area che nell’Ottobre 2018 era stata devastata dalla Tempesta Vaia, che rase al suolo migliaia di alberi nei boschi delle Dolomiti. 

In questo caso si è trattato di un evento molto più circoscritto, ma il vento ha comunque fatto crollare numerosi alberi, soprattutto nella zona della Val di San Nicolò. Qui alcuni residenti nella serata di ieri si sono ritrovati bloccati con la propria macchina in mezzo lungo la strada all’inizio della valle. Fortunatamente la macchina su cui viaggiavano non è stata colpita e grazie anche all’aiuto dei vigili del fuoco sono riusciti a liberarsi e ad essere portati in salvo. 

In queste ore sono arrivate segnalazioni di decine e decine (forse oltre 100) alberi caduti nella zona. Una nuova ferita per i bellissimi boschi trentini. 

I vigili del Fuoco di Pozza di Fassa hanno pubblicato sulla loro pagina Facebook questo post: §
ATTENZIONE STRADA CHIUSA
A causa del maltempo di ieri sera la strada che porta per la val San Nicolò dopo la malga Crocefisso rimane chiusa per sgombero alberi caduti e non transiteranno le navette. Rimane accessibile la laterale per la Val Monzoni e servita dai trasporti. Pubblicheremo aggiornamenti appena perverranno.

Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK