Meteo Febbraio 2019, le tendenze dei principali centri di ricerca

Meteo Febbraio 2019: Previsioni e tendenze mensili elaborate dai migliori centri di ricerca del mondo, a cura di InMeteo.

Febbraio rappresenta l’ultimo mese dell’inverno meteorologico. Tuttavia è proprio durante questo mese che spesso si manifestano gli eventi che caratterizzano l’inverno, esprimendo tutte le  sue potenzialità con nevicate fino al piano soprattutto al Nord e al centro. Questo perchè in questo mese rallenta la tensione zonale e lascia più spazio all’anticiclone delle Azzorre di elevarsi verso latitudini più alte.  Sarà anche quest’anno così?

Febbraio 2019: analisi delle anomalie

Vi mostriamo una mappa elaborata dal modello Americano CFSv2. Dalla osservazione della medesima si notano anomalie negative su tutta l’Europa nord-orientale (Russia e Scandinavia) e anomalie negative anche su Gran Bretagna e parte dell’Africa nord-occidentale. Al contrario osserviamo anomalie positive (ovvero temperature superiori alle medie del periodo) su Italia centro-meridionale, Balcani, Turchia e gran parte dell’Europa sud-orientale. Noi dello staff di InMeteo ci troviamo in accordo con le elaborazioni del modello matematico CFSv2, come spiegato all’interno del video.

Previsioni Febbraio 2019, conclusioni: 

Stando alle mappe e gli indici teleconnettivi analizzati, riteniamo che il pattern circolatorio a livello europeo potrà essere caratterizzato dalla presenza di numerose perturbazioni nord Atlantica in movimento verso il Mediterraneo, dove apporterebbero condizioni di frequente maltempo e neve sui monti, solo in alcuni frangenti a quote basse (specie al centro-nord Italia).
Importanti masse d’aria gelida stazioneranno sull’Europa nord-orientale che andranno poi ad interagire sull’Europa centrale con le perturbazioni nord atlantiche.

Le temperature in Italia risulteranno sopra la media sulle regioni del centro-sud Italia (specie sul Meridione) a causa dei continui richiami miti esercitati dalle perturbazioni atlantiche. Temperature in media o leggermente sotto la media al nord Italia.

A seguito dell’importante evento stratosferico avvenuto a fine dicembre (stratwarming) il vortice polare subirà un vero e proprio tracollo nelle prossime settimane, per cui lo scenario futuro potrebbe risultare piuttosto incerto e imprevedibile : a seguito di questa situazione non è improbabile nel mese di febbraio un episodio gelido a scala continentale che coinvolgerebbe anche buona parte d’Italia (trattasi solo di ipotesi al momento con bassa probabilità).

TENDENZA PREVISIONI PER L’INVERNO CLICCA QUI

Ricordiamo ai lettori che questo appena letto rappresenta tendenze a lunghissimo termine e non vanno considerate come previsioni.